shutterstock_221358385bis.jpg

STATI UNITI

NEW YORK | NIAGARA FALLS | WASHINGTON

 PHILADELPHIA | SAN FRANCISCO

Nella culla della civiltà americana 

Il viaggiatore che camminava per le strade di New York o di qualunque altra città dell’East Coast, per esempio Boston o Philadelphia, in un anno qualsiasi di fine Ottocento poteva avvertire quale straordinaria mescolanza di uomini, culture, ceti sociali si fosse ammassata in quell’angolo d’America. Bastava ascoltare le voci. Si parlavano le lingue più diverse: non solo inglese e spagnolo, tedesco e italiano, polacco e yiddish, ma anche russo, armeno, indiano, cinese. Tutti erano immigrati: gli unici autentici nativi, gli indiani, erano stati decimati dalle malattie portate dagli europei, oppure erano stati rinchiusi nelle riserve, soppiantati come mano d’opera dagli schiavi neri deportati dall’Africa.

 

Sulla costa Est della giovane nazione americana si stava costruendo un mondo nuovo che entrava da protagonista nella storia mondiale. Era il frutto di consistenti migrazioni, talora volontarie e talora coatte, che avevano comportato l’insediamento di nuove popolazioni con l’annientamento più o meno consapevole di altre, e instaurato relazioni di dominio e sudditanza, rapporti di scambio ineguali, l’onta della schiavitù, ma anche la grande speranza per milioni di uomini e di donne di costruirsi un destino migliore di quello che si erano lasciati alle spalle. 

Gli Stati Uniti erano nati da una varietà speciale di colonizzazione, dotata di quella forte impronta religiosa tipica dei gruppi di dissidenti, per lo più puritani, che all’inizio del Seicento avevano lasciato l’Inghilterra per trovare un rifugio di libertà, una terra promessa dove trasferire la propria vita e la propria fede. Il viaggio che nel 1620 i Padri Pellegrini (Pilgrim Fathers), membri di una congregazione calvinista, effettuarono a bordo del Mayflower e la fondazione della colonia di Plymouth, nel New England, sarebbero divenuti eventi costitutivi dell’identità degli Stati Uniti. L’impronta religiosa, la libera iniziativa di individui uniti da comuni valori etici, la forma democratica del governo della colonia, l’autonomia da Londra, fornirono i tratti di fondo sui quali si costruì il modello coloniale nel territorio del New England. 

shutterstock_496160107.jpg

Polaroid di viaggio

TIPICHE FACCIATE

dei palazzi del Greenwich Village.

  • Facebook
  • Instagram
  • Pinterest
Centro gradiente trasparente

Lasciati avvolgere dalla musica americana

white star libri
National Geographic Kids
nat geo kids.png
white star kids